Omnia Desk

L'imprenditore risponderà con il proprio patrimonio dei debiti sociali qualora per tre anni non sia stato depositato al Registro Mercantile il bilancio sociale

Entro il 31 luglio, termine ultimo per il deposito del bilancio dello scorso anno, le società devono presentare il bilancio al Registro Mercantile (RM). Sono cambiate molte cose dall'entrata in vigore del regolamento della legge sulla revisione contabile (RD 2/2021 del 12 gennaio) lo scorso 1° febbraio, dal momento che include un nuovo regime di sanzioni per gli inadempienti.

Impunità quasi generale

La mancata presentazione del bilancio presso il RM non ha finora causato problemi legali alle società, giacché è redditizio lasciarle inattive o 'zombie', in modo tale da non pagare le spese di scioglimento e liquidazione.
Si stima che al RM ci siano ancora circa 1,5 milioni di società inattive e "zombie" (con debiti che le rendono non sostenibili, ma che cercano finanziamenti pubblici.)
Queste società rappresentano terreno fertile per il riciclaggio e la distrazione di denaro e l'occultamento di titolari effettivi.

La morte civile della società

Finora la mancato presentazione del bilancio presso il Registro Mercantile non ha causato problemi legali né alle società, né ai loro amministratori o liquidatori giacché è redditizio lasciare inattive o 'zombie’ dette società in modo tale da non pagare le spese associate al loro scioglimento e liquidazione. Solo in casi molto gravi, l'Istituto di Contabilità e Revisione - Instituto de Contabilidad y Auditoría de Cuentas (ICAC)- ha proceduto alla sanzione.
Jesús Rubiño, direttore dell'area Mercantile di Ceca Magán, spiega che era consuetudine, sebbene non si rispettasse la procedura con il RM, "che le dichiarazioni dei redditi della società inattive venissero depositate presso l'Agenzia delle Entrate".
Con l'entrata in vigore del regolamento, "gli avvocati e i consulenti legali assumono un ruolo indispensabile e raccomandabile per portare a termine lo scioglimento e la liquidazione delle società inattive o per regolarizzarne lo stato di registrazione prima di eventuali sanzioni, se vogliono evitarne, in quest'ultimo caso, la cancellazione".
 
Decisioni con società inattive o "zombi"
 

COSA DEVE FARE LA SOCIETÀ? È UNA PROCEDURA NECESSARIA? È OPPORTUNO RIVOLGERSI A UN AVVOCATO?

Dichiarazione relativa all'imposta sulle società Consigliabile 
Registrazione di scioglimento Consigliabile*
Deposito del bilancio presso il Registro Mercantile No
Legalizzazione dei libri contabili e sociali No
Modulo di titolarità effettiva della società No Sì**
Cancellazione degli amministratori dalla Tesoreria generale della previdenza sociale (TGSS) No
Concordato preventivo Evitabile
Corretta imputazione del patrimonio in contabilità Evitabile
Ricorrere sanzione ICAC Evitabile Consigliabile
Scioglimento e liquidazione della società
(*) Per evitare classificazione difettosa. (* x) consulenza sull'osservanza della normativa in materia di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo. 
Fonte: Ceca Magán. el Economista

Evitare le spese di liquidazione

Si stima che al RM ci siano ancora circa 1,5 milioni di aziende inattive e "zombie" (società con debiti che le rendono non sostenibili e che si finanziano con sussidi e garanzie di Stato).

La casistica che si è generalizzata da anni è che, sebbene esista la volontà di sciogliere e liquidare la società, è necessario espletare la procedura formale davanti a un notaio e provvedere all'iscrizione al registro, il che implica un costo che, in molti casi, si decide di non affrontare, aggravato in situazioni di scioglimento da delibera giudiziaria, dato che tali spese sono persino più levate.
 
Il nuovo regime sanzionatorio
 
D'ora in poi la penale è dello 0,5 per mille dell'importo totale delle voci dell'attivo, più lo 0,5 per mille del fatturato della società riportato nell'ultima dichiarazione depositata presso l'Agenzia delle Entrate, il cui originale deve essere presentato nell’avvio della pratica.
In caso di mancata presentazione della dichiarazione dei redditi, la penale è pari al 2% del capitale sociale secondo i dati depositati al RM. E se viene presentata la dichiarazione dei redditi, e il risultato dell'applicazione di tali percentuali alla somma degli attivi e delle vendite è superiore al 2% del capitale sociale, la penale sarà pari a quest'ultima ridotta del 10%.

Procedura sanzionatoria

I conservatori dei RM saranno preposti a fornire i fascicoli con le inadempienze, l'Icac applicherà le sanzioni e l'Agenzia delle Entrate (Aeat) riscuoterà le multe imposte agli inadempienti. Inoltre, il Ministero del Tesoro, in conformità con il suo piano di controllo fiscale, prevede il ritiro del NIF e, quindi, saranno cancellate dal Registro, il che implica la loro morte civile.
Inoltre, avranno a che fare, come già avveniva in passato, con la chiusura provvisoria della pagina della società presso il Registro.

Termine per il deposito del bilancio 

La presentazione del bilancio al fine di provvedere al suo deposito presso il RM verrà considerato effettuato entro il termine regolamentare se si provvede alla sua presentazione entro il mese successivo alla data dell'assemblea in cui il bilancio è stato approvato (art. 365.1 regolamento RM e 279 LSC).
La decorrenza dei termini verrà calcolata da data a data (articolo 5 del Codice civile). Pertanto, se la riunione si è tenuta il 20 giugno, l'ultimo giorno utile sarà il 20 luglio.
La presentazione oltre la scadenza, prima della fine dell'anno, non comporta penalità alcuna. Per revocare la chiusura della pagina della società presso il RM è richiesto soltanto il deposito del bilancio degli ultimi tre esercizi.
 
Documenti da presentare 
 
Al RM deve essere inviati: il certificato relativo all’approvazione del bilancio, la relazione di bilancio, lo stato patrimoniale, il conto profitti e perdite, la dichiarazione relativa all’identificazione del titolare effettivo; il rapporto ambientale, la relazione sulle azioni/partecipazioni proprie; scheda relativa ai dati di identificazione generale, istanza di presentazione.
Nel caso in cui si debba presentare una relazione sulla revisione contabile, si deve includere anche la relazione sulla revisione, quella sulla gestione e il rendiconto finanziario.

Liquidazione ed estinzione

La liquidazione richiede un certificato della delibera di scioglimento, atto di estinzione, iscrizione al RM, cancellazione dall’Agenzia delle entrate, ecc.
Al termine di questo periodo, i liquidatori devono stipulare un atto pubblico di scioglimento e provvedere alla sua registrazione presso il RM.
 
(Riproduzione riservata)
 

Paolo Ronco

pronco@bartolomebriones.com

BARTOLOME & BRIONES
Jorge Juan 30 - 28001 Madrid
Tel. (+34) 91 577 47 47
Balmes 243 - 08006 Barcelona
Tel. (+34) 93 292 20 20
www.bartolomebriones.com